• Milano vuole sicurezza e decoro!

    Dopo i disordini di martedì, ho fatto un sopralluogo a Porta Venezia a Milano che da giorni è un bivacco di migranti a cielo aperto. Proprio in quel momento abbiamo assistito ad un'operazione di controllo delle Forze dell'Ordine che ringraziamo sempre:  guardate un po' cosa hanno trovato e sequestrato tra droga e soldi evidentemente frutto di spaccio...MILANO CHIEDE SICUREZZA, ALTRO CHE TAVOLATE MULTIETNICHE E MAGLIETTE COLORATE

  • Senza sicurezza e regole chiare ogni integrazione è impossibile!

    Se c'è una cosa che detesto è sentire la parola "razzismo" associata all'Italia. Su rom e sinti al Parlamento Europeo chi non vede la realtà è miope: il problema esiste eccome, perché troppo spesso sono le stesse comunità a non volersi integrare, tra bambini sfruttati, rifiuto di istruzione, assurde sistemazioni in campi degradati e pericolosi. Altro che razzismo, l'Italia è un Paese da sempre accogliente con tutti, ma chi vuole integrarsi deve rispettare le regole che valgono per tutti!

  • Copyright, Maullu:

    POLITICA (Strasburgo). "Si tratta di una grande operazione di giustizia: è cambiata la tecnologia, i media e la diffusione dei contenuti. Si tratta di retribuire nella giusta maniera tutti quelli che producono contenuti culturali ed evitare che le grandi piattaforme non paghino il giusto contributo a coloro che immettono in rete tutto ciò che è prodotto della creatività e dell'ingegno. E' una redistribuzione della ricchezza, soprattutto per evitare che i grandi player americani ne approfittino senza avere alcuna regola". Così Stefano Maullu, eurodeputato del PPE, sul dibattito sul copyright. (Giulia Torbidoni/alaNEWS)

  • Una bella chiacchierata su Europa, Innovazione e giovani con ANGI al Parlamento Europeo

    Innovare significa affrontare il futuro con visione e concretezza. ANGI, l'Associazione Nazionale Giovani Innovatori lo sa fare ed è stato molto bello supportarli nel cuore delle Istituzioni Europee, a Strasburgo. L'Italia ha un patrimonio di enorme valore e l'Europa deve essere il contesto in cui realizzarlo appieno.

  • Basta ipocrisia sull'immigrazione!

    Il caso Aquarius ha finalmente rotto il velo di ipocrisia con cui da troppo tempo troppi perbenisti/buonisti non guardano in faccia la realtà. In aula a Strasburgo oggi ho ricordato che la politica europea ha abbandonato l'Italia, che più di tutti paga il colonialismo francese: sì, perché Sarkò, Macron e compagnia in Nord Africa fanno affari e creano danni incalcolabili all'Europa, la stessa Europa che dà 6 miliardi di euro a un dittatore come Erdogan per chiudere la rotta balcanica mentre nulla ha fatto per il Mediterraneo!

  • Al lavoro in Europa per supportare la nostra grande Protezione Civile

    Al Parlamento Europeo abbiamo lavorato e lavoriamo per supportare concretamente la Protezione Civile, una realtà di eccellenza nel nostro Paese alla quale sono particolarmente legato, un valore che rappresenta l'Italia migliore!

  • Cosa pensano i veri mercati italiani di questa Europa?

    "I mercati insegneranno agli Italiani come votare..." dice Oettinger. "Corrotti e fannulloni", aggiunge Juncker. MA COSA PENSANO I VERI MERCATI ITALIANI DI QUESTI BUROCRATI E DELL'EUROPA DI OGGI? Sono andato a chiederlo agli unici mercati che frequento, quelli in cui si trova la gente normale lavora, a Milano. In Europa io combatto per il mio Paese, l'Italia, che l'Europa deve rispettare!

  • A Cibus2018 per difendere le eccellenze agroalimentari Italiane!

    CIBUS International Food Exhibition racchiude tutto il valore dei prodotti tipici Italiani, un patrimonio inestimabile che va difeso con ogni mezzo. TASSE, BUROCRAZIA, IMITAZIONI E FALSI sono i veri nemici dei nostri imprenditori, che nonostante tutte le difficoltà continuano a produrre eccellenza assoluta. AL PARLAMENTO EUROPEO IO COMBATTO PER LORO E PER L'ITALIA !

  • On. Stefano Maullu a TCS EXPO

    L'Europarlamentare Stefano Maullu intervistato da Caccia e Dintorni parla di "flessibilità e di caccia in genere.

  • Stefano Maullu ospite a Skytg24:

    Nel giorno in cui Mariastella Gelmini è stata eletta capogruppo di FI alla Camera - la miglior scelta possibile per esperienza, competenza, visione - a SkyTg24 sono intervenuto per parlare di quale governo avrà l'Italia. Serve innanzitutto una guida in grado di chiedere di più all'Europa, per ridare all'Italia un ruolo di centralità che negli ultimi anni è venuto meno.

  • In diretta da Mosca per le #RussianElections2018

    L'Europarlamentare Stefano Maullu a Mosca come osservatore alle Elezioni Presidenziali russe.

  • L'Eurodeputato Stefano Maullu sottoscrive l'impegno per i legali possessori di armi

    L'Eurodeputato Stefano Maullu sottoscrive l'impegno a tutela dei detentori legali di armi, è battaglia di civiltà e giustizia.

  • L'Eurodeputato Stefano Maullu presso l'ANUU Migratoristi di Concesio

    L'Europarlamentare Stefano Maullu ha incontrato i cacciatori bresciani per affrontare con loro le tematiche negative che toccano il prelievo venatorio in Lombardia. Nella sede bresciana dell' Anuu Migratoristi si sono affrontati diversi argomenti, tra cui deroghe che per il 6° anno non vengono concesse, cattura dei richiami vivi, tesserino e altro. Nell'intervista si parla di Ispra e di funzionari che giocano un ruolo determinante.

  • Inchiesta sugli sbarchi nel Mediterraneo

    Ieri a Catania, prima insieme a Frontex ed Europol, quindi al CARA di Mineo, per verificare da vicino l'emergenza epocale di un'immigrazione che sta mettendo a dura prova l'Italia. Parlando con gli operatori e visitando le strutture emerge un enorme lavoro – che all'Italia e agli Italiani costa miliardi - che tuttavia ha ben poca prospettiva nel momento in cui i flussi migratori continuano ed aumentano senza sosta, ogni giorno. A mancare è la politica, perché questo meccanismo infernale si ferma solo a monte, nei Paesi dove il fenomeno nasce, impedendo che i trafficanti di esseri umani facciano partire i barconi. Ma negli ultimi anni né Renzi né Gentiloni hanno fatto qualcosa di concreto in tal senso e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

  • La Direttiva 477: le Armerie

    La direttiva 477 mina la libertà e la sicurezza degli onesti cittadini limitando la detenzione, l'uso e la vendita di armi senza colpire i terroristi e i criminali che si alimentano con il traffico illegale di armi. Per far capire quanto sia inefficace questa normativa siamo andati di persona presso un'armeria per verificare le norme di sicurezza in atto nel nostro paese. Dire no alla Direttiva 477 è dire no a chi disarma i cittadini.

  • Non abbandonate i vostri amici

    Estate, vacanze e tanti, troppi cani abbandonati: chi fa una cosa del genere è un CRIMINALE!

    Sono i nostri migliori amici, fedeli e pieni d'amore. Sono parte delle nostre famiglie e non ci abbandonano mai: perché dovremmo farlo noi?
    CONDIVIDI per dire basta all'abbandono dei nostri migliori amici a 4 zampe! ????

  • La Direttiva Ue 477 ci difende davvero? Intervento a Milanow

    La Direttiva Ue 477 serve davvero per proteggere i cittadini europei e combattere il terrorismo? Ne parliamo nella puntata a Milanow con l'europarlamentare Stefano Maullu e l'avvocato Ferrari.

  • Convegno sull'Immigrazione

    Assieme a Maurizio Gasparri, Ignazio La Russa e altri colleghi del territorio abbiamo affrontato la tematica dell'immigrazione fornendo spunti e riflessioni per trovare assieme una soluzione comune. Tanti gli interventi, tante le testimonianze e la volontà di migliorare il nostro territorio.

  • Stefano Maullu a Mattino Cinque:

    Nella puntata del 31 Marzo a Mattino5 per ribadire con forza che la legittima difesa è sacra.

  • On. Stefano Maullu - Missione Aleppo, Siria

    Breve video della mia missione in Siria, ad Aleppo. Terra bellissima, un tempo. Oggi devastata da una guerra fratricida religiosa ed economica, alimentata alimentata anche dalle sanzioni Europee che colpiscono i più deboli e indifesi, i poveri, costretti a scappare e alimentare il flusso dei profughi, oggi fermati al confine Turco, ma che non desiderano altro che poter tornare nel loro paese. Sono convinto che occorra fermare la guerra anche con la presenza diplomatica del Parlamento Europeo oggi assente. Cominciando con una testimonianza operosa e fattiva il recupero di una generazione, di bambini nati ed educati sotto il dominio dello stato islamico. La stabilizzazione del medio oriente con qualsiasi opzione, umanitaria, politica, di moral suasion, è fondamentale per la nostra Europa.

  • Direttiva 477 - Intervista all'Onorevole Stefano Maullu

    Direttiva 477 - Intervista all'Onorevole Stefano Maullu

  • Stefano Maullu a Fatti e Misfatti, TgCom24

    A Fatti e misfatti con Paolo Liguori su TgCom24 per analizzare come può cambiare l'Europa dopo l'elezione di Antonio Tajani a Presidente del Parlamento Europeo. Esperienza, tenacia, capacità hanno garantito all'amico Antonio un'affermazione ampia, attestato di stima per lui e riconoscimento per Forza Italia di cui è uno dei più autorevoli esponenti. Il suo contributo può essere molto importante per far cambiare rotta all'Europa e per aumentare il peso politico dell'Italia a Bruxelles e Strasburgo. Il mondo sta cambiando - vittoria di Trump, Brexit, Medio Oriente, Mediterraneo, sinergia con la Russia che deve essere ricostruita al più presto eliminando le sanzioni - quindi l'Europa e l'Italia devono avere un ruolo di cerniera strategico, fondamentale tra est e ovest, tra nord e sud. Deve essere un'Europa migliore di quella governata a suon di rigore ed egoismo dall'asse franco-tedesco. Ecco il senso del mio impegno in Europa nell'interesse del mio paese, l'Italia.

  • On. Maullu - 300 giorni al Parlamento Europeo per portare più Italia in Europa

    On. Maullu - 300 giorni al Parlamento Europeo per portare più Italia in Europa

  • Stefano Maullu - Liberalizzazione delle armi da fuoco per la legittima difesa

    L'onorevole Stefano Maullu del Parlamento Europeo esprime il suo essere favorevole alla legittima difesa con arma da fuoco.

  • Stefano Maullu:

    Stefano Maullu: "Aiutare la Tunisia significa più sicurezza per l'Europa"

  • Stefano Maullu a Rai Parlamento il futuro della mobilità europea sarà green

    Il futuro della mobilità urbana sarà sempre piú un'integrazione tra sistemi a propulsione elettrica e le biciclette. Così contribuiremo ad abbassare l'inquinamento delle nostre città, senza dimenticare che una quota rilevante dello smog urbano deriva dai sistemi di riscaldamento e raffreddamento delle nostre case e dei nostri palazzi.